Disegnare per Aleppo: I Draw to Live

IMG_5891_HD copia copy

Dalla Siria a H-International School, l’amicizia viaggia attraverso i disegni

Un foglio diviso in due e l’autoritratto di un bambino. Da una parte i piccoli di Aleppo, dall’altro una mezza pagina bianca da completare con i lineamenti di un bimbo occidentale. Il progetto artistico che coinvolge gli alunni di Aleppo e quelli delle elementari di H-International School.

Enas Elkorashy è una gallerista italiana originaria del Cairo. A Venezia ha aperto uno spazio espositivo  a due passi da piazzale roma. Si chiama “Made in… Art Gallery” ed è attiva dal 2015 nel cuore della città storica lagunare.

Da sempre Enas cerca di rappresentare le diverse sfaccettature della cultura mediorientale attraverso l’arte, e da oltre un anno porta avanti un progetto di sensibilizzazione alla situazione siriana.

Grazie ai contatti con associazioni di volontariato, Enas è riuscita a portare in Italia oltre 170 disegni provenienti da due campi profughi di Damasco, i cui rifugiati sono per la maggior parte originari di Aleppo. Sono autoritratti, disegnati su metà foglio. Spetterà al PYP di H-International School riempire l’altra metà, con il proprio autoritratto.

Enas ci racconta che far arrivare i disegni non è stato facile, e la prima volta che ci ha provato sono andati perduti e i bambini siriani hanno dovuto rifarli, in segreto. E poi spiega: «Vedete, i ragazzi che li hanno disegnati sono molto più grandi, ma può essere che non disegnino bene come voi, perché spesso non riescono ad andare a scuola a imparare. Non sono bambini poveri, perché anche loro una volta avevano una bella scuola, dei giochi e una casa come li avete voi. Sono solo bambini che tutte queste cose non le hanno più per colpa della guerra».

Così disegnare sullo stesso foglio diventa un bellissimo modo di sentirsi più vicini, di sentire che, in un mondo pieno di odio, qualcuno è amico. E che molto spesso siamo più fortunati di quello che pensiamo, basterebbe ricordarselo.

I disegni saranno in esposizione alla Made in… Art Gallery a partire da novembre.